Del maiale nostrano non si butta via nulla, neanche il razzismo - Daniela Ranieri da Il fatto quotidiano

Mangiare maiale, spiega Bukowksi è un condizionamento del cristianesimo , dunque per nulla un atto “laico”. Questa finta opera di laicizzazione del credente maschera una sua trasformazione in consumatore. Ancora una volta, ma in forma di farsa come previsto da Marx, non è la Ragione, ma la legge della Struttura, il Mercato, a fagocitare le Sovrastrutture e i principi delle comunità. Continua a leggere... about Del maiale nostrano non si butta via nulla, neanche il razzismo - Daniela Ranieri da Il fatto quotidiano

Quando la nonna ha ucciso il nonno - Enrico Manera da Doppiozero

Al centro di una città antichissima è lo scavo «a mani nude in una materia dura, stratificata, che è stata viva» e dolorosa e risulta una non fiction di rara efficacia, sensibile e vibratile. Che commuove per il rischio che si è assunto chi ha scelto di raccontare, nella propria parte di eredità, una storia ardua. E che lascia ai lettori un senso sfuggente di consolazione per le cose che abbiamo perduto e di benedizione per quelle che ci sono state date. Continua a leggere... about Quando la nonna ha ucciso il nonno - Enrico Manera da Doppiozero

Quella volta che la dolce nonna uccise il nonno - Alessandro Mantovani da Il Fatto quotidiano

Immaginate di tuffarvi in quella storia, che non sta «dove di solito si trovano le storie dei nonni, cioè in casa, negli oggetti, tra le numerose fotografie di foggia antiquata conservate con cura», ma fuori: «nelle strade della mia città, in qualche libro, in un film, nei rari racconti strappati al pudore e al rimpianto degli amici e dei compagni». Continua a leggere... about Quella volta che la dolce nonna uccise il nonno - Alessandro Mantovani da Il Fatto quotidiano

Una storia scomoda (e un cuscino per racconto) - Giuliano Santoro da Dinamopress

La storia si svolge Al centro di una città antichissima. ll centro di una vicenda, personale e pubblica, individuale e collettiva, tutta da (ri)costruire. Dentro la Roma del dopoguerra, quella che si voleva pacificata ma che andava componendosi pezzo dopo pezzo attorno ai ruderi dell’Impero e del fascismo. Continua a leggere... about Una storia scomoda (e un cuscino per racconto) - Giuliano Santoro da Dinamopress

Un viaggio esilarante e surreale nel mondo delle riviste di nera - Bompard da Internazionale

pascarella_tabloid_inferno_giornalismo_investigativo

Un viaggio esilarante e surreale nel mondo delle riviste specializzate in cronaca nera, tra storie di sesso estremo, paranormale e affini. Questo tipo di giornalismo è indirizzato a persone che non usano internet, spesso anziane, ed è un settore editoriale fiorente che include un variegato spettro di pubblicazioni basate su crimini attuali, crimini "classici" rivisitati, scandali a sfondo sessuale, ufologia, maghi e chiaroveggenti. Se questi elementi possono essere combinati in un unico articolo tanto meglio. Continua a leggere... about Un viaggio esilarante e surreale nel mondo delle riviste di nera - Bompard da Internazionale

Cronaca e pulp fiction, confessioni di una cronista - Enzo Ferrari da Taranto BuonaSera

Una coraggiosa discesa all’inferno. L’inferno di un sottobosco pseudogiornalistico fondato sullo sfruttamento del «sottoproletariato culturale» e su centrali clandestine specializzate nella produzione di novel fiction genere trash. Cronaca nera, nerissima. Sesso e sangue, pruriti elevati all’ennesima potenza. Continua a leggere... about Cronaca e pulp fiction, confessioni di una cronista - Enzo Ferrari da Taranto BuonaSera

"Tabloid Inferno di Selene Pascarella" - G. Iandoli da L’Opinabile – Rivista di critica in formazione

Il postmoderno ci ha abituato a numerose pagine romanzesche metaletterarie, in cui si rifletteva sull’atto stesso della scrittura (in realtà, già nel modernismo erano presenti passi del genere, basti pensare all’ultimo capitolo di The portrait of the artist as a young man di James Joyce). L’obiettivo era quello di segnalare l’artificiosità dell’atto creativo letterario, raffreddare il coinvolgimento del lettore per restituirlo a un’esperienza più intellettuale che emotiva. Continua a leggere... about "Tabloid Inferno di Selene Pascarella" - G. Iandoli da L’Opinabile – Rivista di critica in formazione

Pages

Subscribe to RSS - recensioni